Proprietà benefiche del finocchio

      Commenti disabilitati su Proprietà benefiche del finocchio

Il finocchio (Foeniculum vulgare) è una pianta della famiglia delle Ombrellifere dalle importanti proprietà digestive. Ricco di minerali e vitamine, è noto anche per le sue qualità depurative.

finocchio

Proprietà benefiche del finocchio

Il finocchio è ricco di fibre e sali minerali, soprattutto di potassio, inoltre contiene molte vitamine: vitamina A, B e vitamina C. Tra i principi attivi troviamo i flavonoidi, potenti antiossidanti.

 

Aiuta a dimagrire:

il finocchio contiene solamente 31 calorie per 100 gr. di prodotto, è quindi un ottimo alimento per chi vuole mantenere la forma perfetta, anche grazie al suo potere saziante. Si può mangiare sia durante i pasti che come spuntino, ma si può anche assumere attraverso tisane sgonfianti e infusi: per vedere gli effetti dimagranti del finocchio ovviamente non basterà inserire finocchionell’alimentazione questo ortaggio ma dovrete abbinare all’alimentazione corretta anche dell’esercizio fisico e bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno.

 

Finocchio: come utilizzarlo in cucina e nelle tisane

Il finocchio è un elemento estremamente variabile che si presta in cucina a diversi utilizzi. Il finocchio dolce può essere utilizzato cotto (preferibilmente a vapore), in zuppe e stufati o gratinato al forno, oppure crudo, in pinzimonio o in insalate da preparare per esempio con le arance. Per il suo consumo crudo vi consigliamo di utilizzare finocchi dotati di grumoli più tondeggianti e riservare al consumo cotto i finocchi con grumoli più affusolati. Il finocchietto selvatico, invece, può essere utilizzato per insaporire diversi piatti di pasta o di carne. Anche i semi di finocchio possono essere utilizzati per insaporire le pietanze oppure per la preparazioni di decotti con proprietà digestive. Si può ad esempio preparare una buona tisana al finocchio procedendo in questo modo: mescolare 1 cucchiaino di semi di finocchio (reperibili in erboristeria) con la stessa quantità di tiglio e rosmarino e lasciare in infusione in una tazza di acqua bollente per 15 minuti. Filtrare per ottenere una tisana drenante e lenitiva perfetta per digerire dopo un pranzo abbondante ma anche per eliminare coliche intestinali.

Benefico per stomaco e intestino: 

grazie alle sue proprietà digestive, il finocchio contrasta i processi fermentativi e, grazie all’anetolo che gli conferisce proprietà carminative, contrasta la formazione di gas intestinali, aiutando a sgonfiare la pancia. È anche ricco di fibre che, oltre ad aiutare le funzioni intestinali, sono utili per abbassare il colesterolo nel sangue.

finocchio3

Depurativo:

il finocchio ha effetti diuretici, ed è quindi consigliato per eliminare le tossine  e per chi soffre di cellulite per eliminare i liquidi in eccesso. Le sue proprietà depurative e disintossicanti  giovano anche al fegato e all’organismo.

 

Aiuta a ridurre l’indice glicemico:

ciò rende il finocchio un alimento adatto a chi soffre di diabete. Riesce anche a ridurre gli zuccheri degli alimenti mangiati durante il pasto. Per questo è ottimo se consumato dopo pranzo e dopo cena.

 

Rinforza le ossa:

grazie ai fitoestrogeni e ai sali minerali come calcio, potassio e fosforo è  particolarmente indicato per rinforzare le ossa.

 

Aiuta la vista, l’apparato circolatorio e rinforza il sistema immunitario

la vitamina A contenuta nel finocchio regola il funzionamento della retina e della vista, mentre la vitamina B permette un corretto funzionamento dell’apparto circolatorio e del sistema nervoso e infine la vitamina C rinforza il sistema immunitario e svolge un’azione antiossidante.

 

Utile durante l’allattamento:

il finocchio è un ottimo alimento per le mamme che allattano perché grazie ai fitoestrogeni che equilibrano il livello degli ormoni femminili stimola la produzione di latte, inoltre riduce i dolori mestruali e allevia i sintomi della menopausa.

 

Combatte l’anemia:

i finocchi contengono una buona percentuale di ferro, oltre a un aminoacido che stimola la produzione di emoglobina.